Una graphic novel per normalizzare le emozioni delle neomamme: ‘La Sostituta’

Diventare mamma non è facile, anzi rappresenta una tappa cruciale nella vita di una donna che decide di avere un figlio, che può essere vissuta con emozioni contrastantidalla gioia indescrivibile alla depressione più nera.

Ecco un libro a raccontarlo: “La sostituta”, una graphic novel di Sofia Adriansen accompagnata dai disegni dell’illustratrice Mathou. Due mamme anche loro, consapevoli di quanto possa essere sconvolgente l’avventura della maternità.

La sostituta: una storia illustrata sul diventare mamma

Vero è che le donne diventano mamme dalla notte dei tempi, ma parlare dei sentimenti ambivalenti che una neomamme può provare nei confronti del nuovo nato sembra che non sia ancora così facile e scontato.

Sofia Adriansen ha provato a raccontarlo con un libro, usando in realtà poche parole, grazie alla sapiente arte dell’illustratrice Mathou.

Il video della settimana

Il libro è edito da Becco Giallo, curato nell’edizione italiana dalla dottoressa Chiara Gregori, e racconta di una mamma che si misura per la prima volta con le emozioni del parto e con la piccola creatura di è cui pons.

Sarà all’altezza di amare suo figlio e di farsi amare da lui? Riuscirà a rientrare in armonia con il suo corpo? Raggiungerà l’autostima in questo suo nuovo ruolo o penserà che una “sostituta” possa svolgerlo meglio di lei?

Le emozioni delle neomamme: dal libro alla realtà

Ciò che acade nella vita di ogni neomamma può non essere molto diverso da quello che viene raccontato nella graphic novel di Sofia Adriansen.

Le difficoltà del parto, i primi giorni, l’allattamento e alle volte la solitudine sono ostacoli duri da superare, che possono portare anche alla depressione. È importante essere fin da subito consapevoli delle difficoltà che queste situazioni di stress possono generare.

Alle neomamme viene consigliato di affidarsi alla famiglia, agli amici oa chiunque possa dare una mano ad attraversare i momenti più bui. Ogni donna deve sentirsi incoraggiata a chiedere aiuto se ne ha bisogno, per poter arrivare ad apprezzare con il giusto equilibrio la meravigliosa esperienza di amore che è la maternità.

Fonte immagini : criticaletteraria

Leave a Comment