Abuso dei mezzi di correzione sui figli per i brutti voti: 20mila euro di risarcimento

Ha dell’incredibile la storia proveniente da Pavia, dove una coppia di genitori ha aggredito con botte e frustate i due figli adolescenti per i brutti voti ottenuti a scuola.

Di ritorno da scuola infatti ad attendere i giovani di 8 e 13 anni c’erano mamma e papà, che si sono resi protagonisti di terribili episodi di violenza: i due giovani, rei di non aver portato a casa buoni voti, venivamo infatti picchiati con manici di scopa, o frustati con cavi elettrici.

A distanza di tre anni dagli drammatici e incredibili episodi di violenza il tribunale ha stabilito che i genitori dovranno risarcire i due figli.

Botte e frustate per punizione

Ha fatto scalpore la vicenda avvenuta a Pavia e che ha visto coinvolti due ragazzi che oggi hanno 12 e 16 anni, che quasi ogni giorno al rientro da scuola si vedevano ripetutamente colpiti e frustati perché colpevoli di un andamento scolastico prossimo alla sufficienza.

Il video della settimana

Che fosse il manico della scopa usato come verga oi cavi elettrici utilizzati come frusta, la coppia di genitori di origine indiana era solita impiegare come mezzo di correzione per i propri figli la violenza, fisica oltre che verbale.

I figli, un maschio e una femmina, all’epoca avevano 9 e 13 anni, e proprio a scuola sono avvenute le prime segnalazioni da parte di insegnanti e compagni. Questi ultimi avevano notato lividi e segni frequenti sul corpo dei due giovani.

È toccato poi al maschio, più grande, denunciare i continui pestaggi subiti da lui e dalla sorella.

La decisione del Tribunale di Pavia

A distanza di tre anni dall’accaduto il tribunale pavese ha preso una decisione in merito. I maltrattamenti sono stati puniti con una multa di 10 mila euro che i genitori dovranno versare a ciascuno dei due figli.

Inoltre mamma e papà son stati condannati a quattro mesi di reclusione per abuso di mezzi di correzione.

Attualmente la pena è stata sospesa, e il legale dei genitori ha fatto sapere di voler ricorrere in appello, in virtù del fatto che i due genitori continuano a minimizzare gli episodi e affermano che all’interno della famiglia sia di nuovo sorto un rapporto cordiale e amorevole nei tre anni trascorsi.

In questo lasso di tempo peraltro i due ragazzi sono stati affidati prima al Comune di Pavia e poi inseriti in una comunità in attesa del giudizio del tribunale.

Leave a Comment